Uto Ughi, "la musica unisce chi la ama"

"La musica unisce chi la ama, è un linguaggio che va al di là delle barriere ideologiche e politiche e avvicina chi l'ascolta". Uto Ughi, uno dei più acclamati violinisti del nostro tempo, si racconta in un colloquio con l'ANSA prima del concerto sold-out che lo vedrà protagonista al Teatro Lirico di Cagliari. Una serata tra arte e solidarietà e di grande richiamo per sostenere la campagna End Polio Now promossa dal Rotary Club - Cagliari Est e Quartu Sant'Elena, in collaborazione con Cedac, Teatro Lirico di Cagliari, Banco di Sardegna e il supporto del gruppo L'Unione Sarda. Sotto i riflettori, insieme all'artista di origini istriane, il pianista Alessandro Specchi, per un viaggio tra le Note d'Europa con un programma raffinato che spazia da Vitali a Beethoven, Saint-Sans, Wieniawski e Sarasate. "E' un programma molto vario ed eclettico che parte dal tardo 600 e finisce con il tardo 800", sottolinea il musicista. Il maestro non scioglie l'enigma su quale tra i suoi preziosi strumenti suonerà durante il concerto ma spiega: "Lo Stradivari è più intimo e permette un dialogo più intimo, ma il Guarneri ha un respiro più ampio e più adatto a questa sala". Uto Ughi si sofferma anche sulla stato dell'arte della musica in Italia. "La musica è nata in Italia. Anche i tedeschi, che vantano la supremazia musicale, venivano ad imparare in Italia alla scuola di Vivaldi. Lo stesso Bach ha trascritto tantissime composizioni del veneziano. Quindi l'Italia non ha niente da invidiare a nessun Paese del mondo. Peccato che la cultura musicale da noi sia così trascurata dall'insegnamento scolastico". (ANSA).

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Sardegna News
  2. Casteddu Online
  3. Casteddu Online
  4. Casteddu Online
  5. Casteddu Online

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Quartucciu

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...